IT

Camicie uomo eleganti: il vademecum per la cerimonia

   

I mesi più caldi, dalla primavera inoltrata fino al primo autunno, sono sinonimo di cerimonie. Matrimoni, soprattutto, ma anche altre occasioni mondane dove è essenziale indossare il giusto outfit per essere impeccabili. Ma quali sono le caratteristiche che definiscono le camicie uomo eleganti e quali sono i dettagli a cui prestare attenzione?


Gli elementi sono tanti e diversi: si va dal tipo di tessuto, al taglio della camicia, passando per alcuni dettagli imprescindibili. L’unico vero must è il colore: rigorosamente bianco!


Per i tessuti, la scelta può essere il Twill – luminoso, elegante, leggero ma non troppo trasparente – oppure il Popeline – piacevole sulla pelle, compatto e assolutamente traspirabile. Si passa poi a tessuti più strutturati, come il prestigioso Piquet, oppure alle camicie in raso di cotone per una sensazione di morbida eleganza.


Ci sono poi gli elementi anatomici a identificare le camicie uomo eleganti. In primis il colletto: può essere all’italiana o alla francese oppure, per il massimo dell’eleganza, il collo diplomatico da preferire per completi tuxedo e con papillon o ascot. I polsini, inoltre, devono prevedere il doppio gemello, un accessorio che dona eleganza e stile classico all’intero outfit, anche se per cerimonie di stampo più casual può essere perfetto anche un polsino smussato.


Pensando invece alla destinazione d’uso si possono distinguere tre categorie. La camicia da tight, da usare per le cerimonie o gli eventi pomeridiani: ha il collo inamidato e il davanti quasi nascosto dall’ascot; si presenta anche con il colletto morbido e piegato, accompagnato da una cravatta classica di seta o dal plastron. Per il frac, invece, è ideale una camicia con colletto alto e inamidato, il davanti presenta lo sparato – ossia un secondo strato di tessuto cucito sul davanti – e polsini con doppio gemello. Per lo smoking, infine, è obbligatorio il collo diplomatico con le puntine e davanti plissettato, ai polsi, inoltre, non possono mancare i gemelli.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail