IT

Denim green e innovazione tecnologica: la ricetta per le sustainable shirt

   

L’attenzione alla creazione di capi o intere collezioni sempre più sostenibili è ormai diventata una regola imprescindibile nelle produzioni dei brand d’alta gamma. Significa responsabilità e coscienza e va di pari passo col buon gusto che oggi più mai non può limitarsi a essere soltanto un valore estetico. Ecco, dunque, che attraverso svariati approcci, la cosiddetta moda sostenibile entra nelle collezioni più cool e desiderabili, offrendo al mercato un impulso importante per effettuare un cambiamento concreto.

Vuoi attraverso la rigenerazione dei tessuti, a cui viene restituita vita e forma nuova, o la ricerca di pigmenti naturali che non vanno a inquinare l’ambiente con materiali impossibili da smaltire, Albini – pioniere dell’industria tessile sostenibile in Italia – studia costantemente nuove soluzioni per produrre filati e metodologie di lavorazione, volte ad aumentare il valore etico e qualitativo del suo prodotto, con il quale viene realizzata gran parte della collezione di camicie Xacus
Tra gli studi per l’innovazione, punto di partenza e di arrivo di Albini, per ottenere sempre il massimo della qualità, insieme a una proposta originale e di pregio, il denim organico rappresenta la concreta dimostrazione dell’impegno etico e della ricerca continua che caratterizzano Albiate 1830, brand parte della famiglia Albini Group.




Si tratta di tessuti denim realizzati in 100% cotone organico di altissima qualità, scelti da Xacus per le sue denim shirt.


Ma cosa definisce un tessuto organico? perché un cotone venga definito tale, deve provenire da piantagioni biologiche che rispettano i seguenti requisiti:



  • Il terreno deve aver prodotto esclusivamente prodotti organici per i tre anni precedenti;

  • Il seme deve essere “OGM free”;

  • Non devono essere utilizzati fertilizzanti, insetticidi e pesticidi chimici;

  • La defogliazione deve essere naturale.



Condizioni che fanno la differenza, creando valore e qualità, per la nostra terra e la nostra pelle.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail