IT

Gli anni ’60 della moda: nascono i “giovani”

   

È ricordato come il decennio della contestazioni e delle lotte civili. Washington, San Francisco, Parigi, Londra: su tutte le grandi capitali mondiali si respira voglia di novità. Anche nel campo della moda. È in questo decennio, infatti, che si afferma il prêt-à-porter, è durante questi anni che il vestire diventa un atto attraverso il quale marcare la propria distanza dalla generazione dei padri e poter esprimere, con il proprio guardaroba, un’identità ben determinata. Anche la  camicia da uomo passa dall’essere un semplice classico e si trasforma, diventando un territorio dove osare, con colori, abbinamenti e accessori.


Ai colletti, ai pantaloni con la piega, alle giacche e alle scarpe classiche, molti giovani preferiscono maglioni con colli alti, jeans, fuseax, eskimo e mocassini. Ed è Londra, in Europa, la fucina di questa rivoluzione: qui abita Marry Quant, l’inventrice della minigonna, qui si vive la Swinging London che ha ispirato artisti, musicisti, attori e cantanti.  Ed è nella capitale britannica che nasce la contrapposizione fra i Mods,  dal look curato con completi giacca e pantalone, e i Rocker, che vestivano in pelle e usavano accessori in metallo e spille.


Se poi andiamo dall’altra parte dell’oceano, nella West Coast Californiana, la camicia da uomo e gli abiti riecheggiano suggestioni orientali, completi con disegni paisley che si ispirano al cashmere indiano, fino alle stampe floreali: il vero simbolo della cultura hippie.  Gli anni ’60, inoltre, sono il trionfo dei colori sgargianti anche per la camicia da uomo, dei pattern optical a rombi o a righe oblique, le giacche delle divise militari rivisitate con colori diversi dal verde e dal marrone.


Poi nulla sarà come prima, perché alcuni trend lanciati ormai 50 anni fa ritornano continuamente di moda, diventando a loro volta dei nuovi classici. Tradendo forse lo spirito antagonista dell’epoca, ma definendo anche oggi un’estetica e uno stile ben preciso.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail