IT

#IORESTOACASA: come vestirsi per lo Smart Working.

   

L’emergenza coronavirus ci ha portato a cambiare di molto le nostre routine, prima fra tutte il lavoro che si trasforma in Smart Working, anzi più precisamente in Home Working. Se prima il problema principale era come vestirsi per correre in ufficio, oggi la questione si pone anche per il nostro abbigliamento casalingo. Tuta o non tuta? Pigiama o camicia? Comfort o professionalità? Questo sembra essere l’interrogativo per milioni di persone che si collegano ogni mattina pronte a svolgere il proprio lavoro. Non se ne parlerà sicuramente alle prossime fashion week, ma cerchiamo di capire insieme qual è l’atteggiamento e l’outfit migliore per lo Smart Working. Perché il lavoro non è solo una questione di organizzazione, tempi e mansioni da svolgere, ma anche una questione di stile.


 

I consigli di Xacus per un perfetto work-at-home-wear.


La sfida principale sembra essere: come riprodurre a casa la forma mentis che si ha quando siamo in ufficio? Sicuramente restare in pigiama tutto il giorno non è una grande idea e, anche se il comfort ha la sua importanza, probabilmente il troppo relax non ci aiuterà a lavorare meglio. Altra buona norma è mantenere la nostra abituale cura mattutina: lavarsi, vestirsi e prepararsi con continuità ad affrontare le nostre giornate lavorative ci aiuta a mantenere il giusto atteggiamento mentale e ci regalerà un aspetto più gradevole e distinto. Anche i vestiti influiscono sul nostro umore, sulla concentrazione e motivazione, per questo uno dei modi migliori per affrontare lo Smart Working è vestirsi in modo adeguato a qualsiasi evenienza. Questo non significa mettersi per forza un abito o un completo, ma bastano piccole accortezze per essere sempre in ordine come una bella camicia, un blazer quando serve, un paio di pantaloni anche della tuta ma in coordinato con i colori che indossiamo e delle comode pantofole o un paio di sneakers. Bando a pantaloni e t-shirt vecchie e consumate che non useremmo neanche per andare a fare la spesa, darebbero un’immagine troppo distante dal nostro solito look e ci rendono meno concentrati e performanti. Se abbiamo una video call potremmo dare l’impressione di essere appena usciti dal letto e non dare l’immagine professionale che ci si aspetta da noi, comunicando un messaggio sbagliato. Cerchiamo sempre di attenerci alla cultura della nostra azienda e adattarci ai suoi standard, magari possiamo evitare una cravatta, ma se di solito adottiamo un look formale non stravolgiamo le nostre buone e “belle” abitudini. Indossare abiti da lavoro a casa aiuta anche a ricordare ai nostri familiari che in quel momento sei impegnato e non dovresti essere disturbato, allo stesso modo una volta finito il tuo orario potrai passare ad un abbigliamento più comodo. 


 

Curare il tuo look e vestirti bene ti aiuterà parecchio in questo periodo perché il modo in cui vesti cambia non solo il tuo aspetto, ma anche il valore di quello che dici nella mente dei tuoi spettatori. E se sei in cerca di ispirazione, scopri i nostri 3 fantastici abbinamenti per un work-at-home-wear da favola.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail