IT

La camicia di lino è il pezzo forte di stagione

   

È tempo di ripartire e di rimettersi in gioco. La bella stagione richiede uno stile adeguato, da vivere all’aria aperta. Da dove cominciare? dalla camicia di lino bianca, icona di un’eleganza senza tempo, che vanta una versatilità senza paragoni, perché si adatta a un contesto formale con classe e freschezza sotto una giacca doppiopetto e pantaloni con pinces, meglio se con una pochette da taschino e una cravatta in sottile maglia di seta. Così come riesce a dare il meglio di sé in situazioni più conviviali, leggermente sbottonata e lasciata fuori da pantaloni. In questo caso è molto apprezzata la sua versione completamente aperta, sopra una tshirt girocollo.

E mentre si assottiglia il divario nello stile di genere, sempre più donne scelgono d’indossare la camicia di lino con collo francese o collo alla coreana, sotto giacche taglio uomo o in versione più lazy sopra i jeans. In spiaggia, in barca o in una giornata di sole fuori città, sopra il costume diventa come una seconda pelle.
Il suo fascino, entrato di diritto nei trend stagionali ha conquistato persino le passerelle dei designer più importanti, che l’hanno personalizzata con raffinati colori talcati come il salvia, il rosso del vino ma anche quello più acceso come il fragola, l’azzurro che ricorda le dimore di Capri e il celeste più tenue, insieme alle irrinunciabili righe di vario spessore che, con collo button-down, alla coreana o francese, coprono ogni esigenza per ogni occasione. 

In pole position tra i pezzi più ricercarti del menswear di questa stagione è la camicia hawaiana, ricoperta di palme e motivi floreali esotici, in sfumature e contrasti colore sempre più originali, a volte dal tratto digitale, in altri casi è l’effetto dipinto a mano che cattura l’attenzione del pubblico più esigente.
Quella col colletto a bowling è conosciuta dai più come la tipica aloha shirt, con collo ripiegato e disteso.
Nel dicembre 1951 questa fortunata versione della camicia di lino si guadagna la copertina della rivista Life che mette in prima pagina il presidente Harry Truman con addosso una versione floreale con taschini.
Sono i protagonisti dei delle pellicole cinematografiche a scolpirne il profilo di successo nell’immaginario collettivo: da Frank Sinatra in “Da qui all’eternità” (1953), Elvis Presley in “Blue Hawaii” (1961) al Johnny Depp in “Paura e delirio a Las Vegas” (1998), all’eroe romantico per eccellenza Romeo interpretato da Leonardo DiCaprio nell’adattamento firmato da Baz Luhrmann della tragedia shakespeariana).


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail