IT

Storia della camicia donna: La moda dell’Ottocento – Parte 3

   

Ci siamo lasciati con l’avvenimento della Rivoluzione Francese che ha promosso in tutta Europa l’ideale di uguaglianza e ha avuto una forte influenza anche nel mondo della moda. Nella prima parte dell’800, l’abbigliamento femminile è legato allo stile Neoclassico, dove la camicia da donna si allunga e diventa una sorta di abito che richiama la foggia di quelli indossati ai tempi dell’antica Grecia e Roma. Questo stile, chiamato “impero”, dura fino alla seconda metà del secolo, quando ancora una volta le tendenze cambiano. Assieme alla giacca del tipo corta a bolero o lunga fino ai fianchi, anche la “camicetta” diventa un indumento di grande successo e importanza tra le donne, perché completa l’abito a due pezzi.


 


In questi anni la camicetta è rigorosamente bianca e realizzata con tessuti leggeri, inoltre ritorna ad arricchirsi di ricami, jabots di pizzo, nervature e volants sulla parte frontale; la vita scende sul punto naturale, il colletto è alto, aderente e le maniche lunghe sono a sbuffo o a palloncino per rendere voluminosa la parte superiore del corpo. Per assottigliare ed evidenziare il punto vita vengono usati i bustini combinati alle gonne gonfiate dall’uso della crinolina, una struttura rigida che dava alla gonna la tipica forma a campana.


 


In questo periodo la moda riflette gli ideali e lo stile della famiglia borghese: l’uomo abbandona la vita in salotto e si dedica al lavoro negli uffici e negozi quindi ha bisogno di abiti pratici e comodi. La donna, invece, continua ad occuparsi della casa e della famiglia, ma inizia a dare più importanza al proprio aspetto fisico. Ma è solo con il nuovo secolo, il ‘900, si può parlare di semplificazione e rivoluzione dell’abbigliamento femminile, ossia quando le donne fanno il loro ingresso nel mondo del lavoro.


 


 


Nel prossimo capitolo parleremo di come la camicia annuncia l’emancipazione del mondo femminile.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail