Rita, la camicia a quadri sofisticata per le tue uscite invernali

   

La camicia a quadri è uno dei trend della stagione autunno/inverno 2017/2018. I quadri sono tra i protagonisti delle passerelle e dei negozi di abbigliamento e non si vedono solo sulle camicie, ma anche su pantaloni, gonne, vestiti e accessori.

L’outfit di questo mese è creato con questo capo tanto ambìto e dal momento che le temperature si fanno sempre più fredde abbiamo scelto Rita: la camicia in flanella a quadri.
Il modello è speciale perché caratterizzato da volumi morbidi, infatti la camicia è comoda sul davanti e più lunga dietro, nonché leggermente svasata. Sulla parte anteriore l’abbottonatura è coperta: l’unico bottone in vista è quello del colletto alla coreana, realizzato alto proprio per scaldare di più.
Sicuramente nel tuo guardaroba ci saranno già delle camicie a quadri e femminili, ma Rita non è la solita camicia in stile scozzese: i suoi volumi trendy e raffinati, e i dettagli sofisticati, la rendono unica!

La flanella a quadri madras dà vita a una camicia a quadri grigia, bianca e nera che si abbina ai capi di questi tre colori, risultando così molto versatile.
In questo outfit infatti è accostata a un paio di pantaloni in denim bianco e in stile capri, ovvero che lasciano scoperta la caviglia.
Completano l’abbinamento le scarpe all’americana in pelle color grigio scuro, scelte non solo per il piglio sportivo che danno all’outfit, ma anche per la loro comodità.

Proprio il comfort è una peculiarità di questo abbinamento, pensato per le occasioni che trascorri fuori casa, durante il weekend o le vacanze. È perfetto per esempio per una passeggiata in centro città o in una località montana. È un outfit outdoor che, se necessario, può essere completato da un caldo e comodo piumino nero, sempre dai volumi morbidi.
Questa camicia dal gusto casual, ma pur sempre ricercato, crea un outfit comfort-chic che si presta a varie occasioni e proprio per questo la prossima settimana vi proporremo un abbinamento per l’uomo, da utilizzare nelle stesse circostanze.


    Scrivi un commento
    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. L’asterisco contrassegna i campi obbligatori*
    Notificami la risposta via e-mail